fagiolo di lamon

Aggiornamenti dal dott. Crocetta - Giugno 2019

Note tecniche mese GIUGNO 2019

Come tutti hanno avuto occasione di notare l’andamento del mese di Maggio è stato molto anomalo con temperature molto più basse e piovosità molto più abbondanti della norma in tutte le località della provincia di Belluno.

Quasi tutti sono comunque riusciti a seminare nei rari momenti di tregua concessi dalle avverse condizioni meteorologiche (molto spesso intorno al 16 e 17 maggio) pur non essendoci condizioni ottimali per umidità e temperatura, e quasi sempre in fase di luna calante e quindi non favorevole a rapide germinazioni.
La situazione delle piante all’inizio del mese di giugno si presenta in maniera varia: ci sono situazioni di buona emergenza e vitalità delle piante mentre in altri casi l’emergenza è più scarsa e le piantine si presentano abbastanza esili e stentate. Il periodo prolungato di emergenza (anche 10/12 giorni) ha favorito e sta favorendo gli attacchi di mosca (Delia platura)che sta contribuendo a danneggiare le piantine ancora in fase cotiledonare. Se i verifica questa presenza intervenire subito con una soluzione di Deltametrna (es. Decis Evo 50 ml/hl) o Piretro alla dose consigliata in etichetta (normalmente 150/200 ml/hl) ripetendo il trattamento dopo alcuni giorni. E’ necessario trattare il terreno scoperto dal telo di pacciamatura per le piantine che devono ancora emergere e anche le piantine in fase di emergenza o ai cotiledoni.

Si consiglia di verificare gli impianti entro 10/15 giorni dalla semina e di procedere ad un sollecito ripristino delle eventuali piantine mancanti, lesionate da parassiti o particolarmente deboli. Intorno alla metà di giugno le risemine possono dare ancora buoni risultati produttivi finali se la stagione avrà finalmente, come sembra, un decorso favorevole e normale per il periodo estivo tipico dei mesi di giugno e luglio. Porre anche attenzione alla presenza di lumache che sono presenti, sia pure con intensità variabile, nella maggioranza degli impianti e intervenire ai primissimi sintomi (e in caso di piogge ripetute e di risemine anche in maniera preveniva) con fosfato ferrico distribuendo i granuli nel perimetro del campo e anche nelle zone più umide o dove si noti la presenza di rosure sulle foglie. Intervenire alla sera e meglio se dopo un pioggia.

Chi non avesse ancora seminato deve farlo appena possibile anche in condizioni di umidità non ottimali per la coltura. Dal 4 al 17 giugno la luna è crescente e quindi favorevole, unitamente a temperature finalmente sostenute, ad una rapida ed energica germinazione.

Si raccomanda di provvedere all’acquisto di prodotti fungicidi come composti del rame (ossocloruro, idrossido o solfato) e/o azoxyistrobin (es. Ortiva)) e insetticidi come Deltametrina (es. Decis Evo), Acetamiprid (Epik SL) o piretro in modo da essere pronti ad affrontare eventuali, probabili necessità del prossimo periodo e non dovere poi procurarsi i prodotti in situazioni di emergenza che potrebbero non consentirci di avere la necessaria tempestività di intervento.

Dott. Giuseppe Crocetta